• 0
Recensione del set di ruote ICAN 4Omm - Vuoi un set di ruote versatile per la strada e oltre?

A volte non c'è sensazione più grande che finire con un giro, entrare nel vialetto e appoggiare la bici contro il muro per uno sguardo bello, lungo e ammirato.

Avendo appena percorso duri chilometri collinari e su una o due salite classificate con sezioni pianeggianti ventose introdotte per buona misura, l'improvvisa immobilità della bici e le sue ruote in carbonio ora congelate sono motivo di riflessione.

Quando si riflette sulla bicicletta in questo modo, è facile diventare ossessivi per gli elementi che insieme compongono la tua stimata macchina da corsa.

La parte anteriore e posteriore della sella è proprio un punto focale ed è incredibilmente dispendiosa in termini di tempo per ottenere esattamente la giusta, con la differenza tra la perfezione e l'agonia spesso una questione di un millimetro.

La scelta dei componenti non è diversa, e so che tutti i ciclisti rientrano nella stessa categoria una volta che il grip del ciclismo ha preso piede: ogni scelta deve essere perfetta.

Lunghezza attacco manubrio, dimensione cassetta (11–28 o 12–25?), Lunghezza pedivella, larghezza manubrio e persino nastro manubrio: non dimenticare il nastro manubrio!

Certo, conosciamo tutti il ​​componente che ogni ciclista premia sopra tutti gli altri, anche se lo ammette o meno.

È l'elemento che determina la qualità di guida, lo spin, il calcio in più in salita o quell'ingiusto vantaggio nel vento, e questo senza menzionare l'incredibile aspetto che offrono a una macchina adeguatamente corsa. Le ruote in carbonio per copertoncino hanno il maggiore impatto sia visivamente che in termini di prestazioni, quindi scegliere questo componente ben al di sopra di tutti gli altri ha estrema importanza e dovrebbe essere fatto con grande cura.

È stato in questo stato di riflessione, e dopo molte ricerche e deliberazioni, che ho ordinato, unboxed e montato un set di ruote in carbonio ICAN pieno di eleganti cerchi aerodinamici neri opachi profondi 40 mm e, per finire, mozzi DT Swiss 240s. Nella scelta di queste ruote, ho esaminato un eccesso di dettagli forniti da ICAN e ho suddiviso tutto da cima a fondo.

Chi sono l'ICAN?

Dopo aver contattato direttamente il servizio clienti di ICAN e condotto le mie ricerche, sono stato in grado di raccogliere molte informazioni su chi sono e cosa comporta il loro processo di produzione. ICAN è stata fondata nel 2009 a Shenzhen, in Cina, dove mantiene uffici e fabbriche per una forza lavoro di oltre 200 dipendenti, molti dei quali sono stati selezionati manualmente per la loro esperienza nella progettazione e costruzione di telai e componenti di biciclette in fibra di carbonio.

Un partecipante regolare di Interbike, la più grande conferenza e spettacolo annuale del settore delle biciclette al mondo, ICAN è rimasto al passo con le tendenze e ne ha persino avviato alcune, come essere tra i primi produttori di ruote in carbonio a includere i raggi Sapim CX-Ray premium come componenti standard.

ICAN fa tutta la sua produzione internamente a partire dal proprio team di progettazione e termina con i controlli di qualità che superano gli standard internazionali di qualità come i test SGS ed EN. Con magazzini in tutti i principali continenti a livello globale, ICAN è diventata discretamente un attore importante nel panorama competitivo dei telai e delle ruote per biciclette in carbonio di alta qualità.

Per quanto riguarda la tranquillità dell'acquirente, ICAN offre una garanzia di 2 anni su uno qualsiasi dei suoi prodotti e un piano di protezione dell'acquirente in sei punti.

Svelare le ruote Svelare le ruote

Ho ordinato il file Set di ruote per copertoncino in carbonio ICAN da 40 mm con mozzi DT Swiss 240s e aspettò con impazienza che arrivassero.

Quando il postino li ha lasciati senza tante cerimonie a casa mia (sono arrivati ​​in 7 giorni con spedizione China EMS, con tracciabilità inclusa), ho subito strappato la scatola e ho trovato un certificato di garanzia con incisa la data del mio acquisto.

Incluso era un set gratuito di spiedini insieme a pastiglie dei freni in carbonio che hanno fatto un ottimo inizio per l'esperienza. Il primo e più evidente dettaglio che ho notato dopo aver tolto l'imballaggio dalle ruote è stato il loro peso.

Arrivando a poco meno di 1500 g con i mozzi DT Swiss 240, il team ICAN ha chiaramente immaginato queste ruote come ruote da corsa a tutto tondo con un equilibrio sufficiente tra assenza di gravità e aerodinamica per gestire lunghe salite in montagna e linee di fondo sulle pianure nello stesso giro.

Per fare un confronto, il set di ruote Enve SES 3.4 presenta una corsa e un peso quasi identici al set di ruote ICAN 40mm DT 240s, ma costa oltre il triplo ($ 3,000 per l'Enve, $ 890 per l'ICAN). I raggi aerodinamici della lama Sapim CX-Ray vibrano di tensione mentre fai scorrere la mano, suonandoli come se formassero un'arpa futuristica.

I raggi Sapim CX-Ray costruiti in Belgio sono leggeri come le versioni in titanio ma sono più resistenti e resistono alla fatica molto più a lungo del titanio, mantenendo così la tensione e necessitando di essere allineati meno spesso. Il raggio CXRay è il modello portabandiera di Sapim e ha una resistenza alla trazione straordinariamente elevata che viene regolarmente testata diverse volte superiore a qualsiasi altro raggio sul mercato.

Per questo motivo, i raggi Sapim CX-Ray sono lo standard internazionale quando è necessaria la massima qualità dei raggi con un vantaggio aerodinamico, come dimostra la quantità di grandi tour vinti a bordo di biciclette equipaggiate con Sapim CX-Ray.

La mancanza di una pista frenante consente all'ICAN di radere il peso prezioso dalla ruota mentre la frenata viene eseguita direttamente sulla sezione Toray T40 in fibra di carbonio profonda 700 mm. Toray è il principale produttore mondiale di compositi in fibra di carbonio e il suo carbonio si trova in tutto, dalla divisione aerospaziale di Boeing alle bici vincitrici del Tour de France.

Con una larghezza di 25 mm e un letto del cerchio di 18.35 mm, il set di ruote con mozzo DT 40s ICAN da 240 mm aderisce alla premessa scientificamente provata che ruote e pneumatici più larghi rotolano più velocemente. In precedenza, 23 mm era considerato lo standard fino a quando non è diventata disponibile una tecnologia di test aerodinamica sufficiente e ha dimostrato che le ruote da 25 mm offrono meno resistenza al rotolamento (nel senso che sono più veloci) e forniscono un maggiore comfort di marcia, consentendo al tempo stesso ai motociclisti di utilizzare meno pressione dei pneumatici.

Molte ruote sono al passo con i tempi in questo senso e producono modelli larghi 23 mm, quindi anche se un motociclista acquista pneumatici da 25 mm, non è in grado di sfruttare la larghezza poiché le ruote non possono allungare i pneumatici alla loro superficie corretta.

Ultimo ma non meno importante, abbiamo gli Hub DT Swiss 240s. Cosa non è già stato detto di questi leggendari hub? Quando si tratta di mozzi leggeri che massimizzano la rigidità delle rispettive ruote, i mozzi DT 240s sono lo standard.

Consentendo una tensione dei raggi perfetta e resistente alle intemperie per gestire qualsiasi condizione, la longevità del DT Swiss non è seconda a nessuno e un classico sia per le gare che per gli allenamenti.

Punzonatura sopra il loro peso Punzonatura sopra il loro peso

SET DI RUOTE PER BICI DA STRADA IN CARBONIO ICAN

L'aero a lame parlava il paradiso

Dopo un paio di settimane e diverse centinaia di chilometri in cima alle ruote per copertoncino in carbonio ICAN 40mm DT 240s, la mia impressione è straordinariamente positiva. La versatilità di queste ruote grazie all'eccellente profondità di 40 mm conferisce loro rigidità quando si scatta a tutto gas e fuori sella, mantenendole allo stesso tempo morbide quando si è nel flusso di una salita di prima categoria.

La larghezza della ruota di 25 mm combinata con i pneumatici Continental Grand Prix 25s II da 4000 mm che ho usato per i test realizzati per una corsa morbida con una pressione dei pneumatici di 85 psi. La loro leggerezza li ha resi reattivi durante le accelerazioni improvvise, permettendomi di accelerare secondo necessità.

Durante le pedalate ventose la profondità aggiunta ha conferito una notevole stabilità della sezione trasversale alla corsa ma non ha interferito durante le discese veloci e tecniche, rendendoli perfetti tuttofare. Montare e togliere le gomme con una leva per pneumatici e usare le mani per far rotolare il resto è stato semplice con un po 'di forza in più.

Il leggendario costruttore di ruote Keith Bontrager una volta disse: "forte, leggero, poco costoso, scegli due", ma ICAN ha dimostrato che l'adagio è sbagliato costruendo una ruota con fibra di carbonio di grado aerospaziale, mozzi DT Swiss, raggi Sapim e un prezzo che non può essere battuto.

 

  • Luglio 05, 2018
  • Categoria: Recensioni
  • Commenti: 3